Ci risiamo, ci si avvicina al Natale ed è inevitabile, complice il marketing, ma anche la nostra golosità, eccedere col cibo e, soprattutto con i dolci. A ben vedere, infatti, già da novembre gli scaffali dei supermercati presentano panettoni e pandori, dolci e dolcetti, cotechini e chi più ne ha più ne metta. Le tentazioni sono sempre state a portata di mano, o meglio, di palato, ma basta un po’ di disciplina. Poiché i giorni di festa si possono contare sulle dita di una mano e, ancora, devono venire, cerchiamo, in questo periodo di regolarci, rispettando quello che viene definito come il bilancio calorico quotidiano.

 

I SEGRETI PER EVITARE GLI ECCESSI

In sostanza: non eccediamo, senza, tuttavia, rinunciare ai pasti principali.  Infatti, è importante iniziare la giornata con energia facendo una buona colazione per evitare di arrivare a pranzo digiuni e avere il doppio dell’appetito; condizione che ci pone a rischio di eccessi.

Visto il periodo, approfittiamo sia della frutta fresca di stagione, come agrumi e kiwi, per fare il pieno di vitamina C.

Non scordiamoci della frutta secca, un esempio per tutti le mandorle, ricche di proteine vegetali, fibre, grassi salubri, ma di anche magnesio e calcio, e considerate un alimento utile per la salute cardiovascolare e il diabete, oltre che per la gestione del peso.

 

Non rinunciate al piacere del buon cibo, ma facciamo attenzione a non esagerare con il sale.  Il consumo di cibi troppo salati, come patatine, formaggi soprattutto stagionati, ma anche affettati, favorisce la ritenzione dei liquidi nel nostro corpo.

Sulle nostre tavole non facciamo mai mancare frutta e verdura fresche, cereali integrali, legumi, frutta secca oleosa e semi: tutti alimenti ricchi di sostanze antiossidanti e vitamine essenziali per proteggere le cellule dell’organismo dagli attacchi dai radicali liberi, provocati dall’eccesso di grassi in circolo.

 

ATTENZIONI ALLE PORZIONI

Ad ogni modo, per evitare di ingrassare, durante i giorni di festa, facciamo solo attenzione alle porzioni. Per esempio, se consumiamo una fetta di panettone o di pandoro, evitiamo farciture con creme per non aumentare eccessivamente l’apporto di zuccheri e grassi.  E concediamoci pure un piccolo brindisi: facciamo solo attenzione a non esagerare con alcoolici e soprattutto superalcoolici.

 

ATTIVITA’ FISICA

Cerchiamo, inoltre, di non trascorrere troppo tempo con le gambe sotto il tavolo, in balia delle tentazioni a cui è difficile rinunciare. Per consumare l’energia introdotta con l’eccesso di cibo durante le festività, si può sempre e comunque aumentare l’attività fisica. E non occorrono grandi programmi: basta una camminata di 30-40 minuti al giorno, a passo veloce, per smaltire quell’eccesso calorico che, oltre a minacciare la nostra silhouette, accelera il nostro processo di invecchiamento fisiologico, sia della pelle, sia dei nostri organi.

Di certo, la peluria sul viso crea disagio soprattutto alle donne: dichiaratamente, un inestetismo.  E non sono solo quei peli definiti folletto, ovvero quella peluria gentile, ma anche quei peli terminali che, particolarmente spessi, lunghi e pigmentati, influenzati talvolta da un’alta produzione di ormoni androgeni sia negli uomini sia nelle donne, rappresentano un problema comune.

La soluzione esiste, e non è di certo la depilazione con rasoi o altri metodi che rischiano di peggiorare la condizione. Oggi, l’epilazione laser è in grado di offrire la soluzione più durevole nel tempo, specialmente per coloro che non soffrono di scompensi ormonali.

COME VIENE UTILIZZATO IL LASER PER IL VISO?

L’epilazione laser al viso avviene come per tutte le altre zone del corpo: il chirurgo plastico e medico estetico di Sandonato Medica, Federico Villani, durante un primo incontro conoscitivo, illustrerà al paziente le procedure seguite, le tempistiche e gli accorgimenti da seguire per ottenere il miglior risultato

Non tutti i pazienti presentano le medesime esigenze: ad esempio, il paziente che soffre di irsutismo, sarà avvisato che, per poter raggiungere al meglio l’obiettivo, necessiterà di un trattamento con più sedute e tempi diversi, rispetto agli standard. Le procedure e tempistiche variano quindi di persona in persona, a seconda della morfologia del pelo e dello stato di salute della pelle. Inoltre, sebbene non ci siano particolari rischi, è bene ricordare che si tratta di una zona del corpo particolarmente sensibile ed esposta ad agenti esterni.

Ciò significa che gli accorgimenti del paziente, dopo il trattamento, devono essere particolarmente premurosi.

IL TRATTAMENTO CON LASER AD ALEXANDRITE

Dopo la fase conoscitiva tra il medico e il paziente, si passa, finalmente, all’azione: il dottor Villani si avvale del laser ad Alexandrite, particolarmente delicato ed efficace grazie al particolare sistema di raffreddamento brevettato (per rinfrescare gli strati più superficiali della pelle pochi istanti prima dell’emissione del fascio di luce): si tratta della soluzione migliore per il viso, zona particolarmente delicata.

Proprio alla luce di un’analisi specifica della pelle e del pelo da trattare, lo specialista deciderà con che tipo di intensità utilizzare per l’epilazione. Il raggio laser, inoltre, colpisce selettivamente il follicolo, con minimo impatto sui tessuti circostanti.

Il laser ad Alexandrite di Sandonato Medica, dunque, rappresenta la soluzione più evoluta dell’epilazione: la gestione dell’intensità del raggio permette di agire anche sui peli di qualsiasi zona del corpo, senza rischiare di danneggiare la cute.

Per informazioni e per prenotare un appuntamento inviaci una mail a info@sandonatomedica.it o telefona allo 02/55602161

Il Covid ha colpito ancora con una seconda ondata e, nuovamente, le persone sono rimaste traumatizzate. Pensiamo, ad esempio, ai bambini e alla difficoltà ad accettare la limitazione della loro libertà personale; ma anche alle famiglie in generale. Tutto ciò, può avere generato il cosiddetto trauma che, pur non evidente e manifesto, risiede nell’inconscio, provocando effetti che si possono riscontare a livello tangibile (sul corpo) che intangibile (nei legami sociali).

La Dott.ssa Francesca Velluzzi, a disposizione per consulenze presso Sandonato Medica, opera attraverso sedute di psicoanalisi per aiutare i suoi pazienti a dare significato al loro trauma e a superarlo.

 

QUALE SIGNIFICATO DARE AL TRAUMA

Come si può superare questa situazione critica? Anzitutto, occorre dare un senso a ciò che non ne ha e che provoca degli effetti sulle persone.

Attraverso un approccio psicoanalitico, la Dott.ssa Velluzzi punta ad offrire ai suoi pazienti il luogo per “integrare i non detti nei loro vissuti e nella loro storia personale” al fine di dare un senso a ciò che, agli occhi delle persone, non lo ha.

E il Covid ha generato una serie di meccanismi difficili da comprendere o da accettare: come, ad esempio, il fatto di non giocare coi compagni per paura del contagio virale. Ma come è possibile trovare un senso a ciò di cui nessuno ha avuto esperienza? “Dare senso a qualcosa di traumatico significa integrare a livello immaginario e simbolico un evento che altrimenti lascerebbe il soggetto in balia di ciò che è stato nel passato, rischiando di ritrovarselo nel suo futuro” spiega la dott.ssa Velluzzi.

 

LA PSICOANALISI

Il lavoro di psicoanalisi della dottoressa, permette di operare con i soggetti che hanno subito gli effetti traumatici del COVID evitando quegli scatenamenti e quelle ri-traumatizzazioni, che spesso avvengono negli interventi che utilizzano la parola e l’incitazione al ricordare.

Attraverso il metodo psicoanalitico lancaniano, il trauma può essere superato. Come? La metodologia innovativa e alternativa, per lavorare sugli effetti che il Coronavirus ha provocato sulle persone prevede, ad esempio, l’utilizzo del suono o del disegno, linguaggi che garantiscono una raccolta di quelle che sono le esigenze, i desideri e le prospettive future dei pazienti; sarà la psicoanalista a tradurre le espressioni dell’inconscio, convertendole in risorse da utilizzare per definire la via d’uscita al problema.

 

PER OGNI PAZIENTE, UN PERCORSO AD HOC

Questo modus operandi porta il professionista ad attingere ad un sapere che può aiutare il paziente ad uscire da situazioni di estrema sofferenza. Non si tratta né di ascoltare passivamente, né di suggerire azioni correttive, ma di trattare le condizioni del proprio essere permettendo così la costruzione di relazioni con l’altro.

Queste settimane di zona rossa imposta ci hanno fatto ripiombare in un periodo di grandi incertezze, bombardati da notizie quasi sempre negative. Tutto questo ha un prezzo e non solo sul piano economico.

Val la pena, ricordare l’esperimento della risata contagiosa. Durante un viaggio in metropolitana, tra varie persone sedute, ve n’è una, “infiltrata”, che inizia a ridere a crepapelle. Gli altri, prima lo guardano con stupore, poi vengono trascinati dalla sua contagiosissima risata.

Le neuroscienze potrebbero spiegare questo fenomeno, che vale anche al contrario: più si è sottoposti, a lungo, a stimoli negativi, più si diventa tali.

COME AGISCE IL CORTISOLO SULLA NOSTRA MENTE E SUL SISTEMA IMMUNITARIO

E una situazione come quella che stiamo oggettivamente vivendo, non fa altro che aumentare il nostro livello di stress, facendo aumentare, nel nostro corpo, la produzione, del cortisolo, non a caso detto ormone dello stress. Perché, finché si mantengono bassi livelli di cortisolo, nessun problema: abbiamo un’arma efficace per fronteggiare le situazioni di emergenza. Quando, invece, il livello di cortisolo permane a lungo nel nostro organismo, diviene disfunzionale, ponendoci in una condizione di “stress cronico”, decisamente nocivo per la nostra salute. Ecco perché, senza una adeguata predisposizione della nostra mente, si finisce per ingigantire il livello di allerta. Il che si traduce in ansia, paura, incertezza, umore che peggiora: tutto a causa della quantità di cortisolo che produciamo. Il che finisce, oltretutto, per abbassare le nostre difese immunitarie, in una sorta di circolo vizioso che ci trascina verso il basso.

LE CONSEGUENZE A LIVELLO PSICOLOGICO E PSICOSOMATICO

Questo comporta conseguenze importanti, sia a livello psicologico, sia psicosomatico. Come affermano gli psicologi, infatti, sono in vorticoso aumento i casi di persone che finiscono “travolte” da tutto questo, manifestando attacchi di panico, ansia verso il futuro, disturbi del sonno, con, spesso, implicazioni sulla sfera affettiva e lavorativa. Allora, val la pena fermarsi a riflettere su questa situazione, magari chiedendo aiuto a chi, esperto, potrebbe aiutarci a mantenere uno spirito positivo. Ne gioverà il nostro essere.

Anche in questo periodo di emergenza Coronavirus le nostre psicologhe e psicoterapeute, dott.ssa Rossana Joo, dott.ssa Monica Fiorilli e dott.ssa Francesca Velluzzi, sono a disposizione presso Sandonato Medica per sostenere chi si trova in difficoltà, attraverso programmi e consulenze mirate.

Per info: 02/55.60.21.61 oppure scrivendo a info@sandonatomedica.it

Non mandiamo anche la prevenzione ginecologica in lockdown e non dimentichiamoci della salute dell’apparato riproduttivo: nemmeno in questo periodo particolare e qualsiasi sia la nostra età!

LA PRIMA VISITA DAL GINECOLOGO: QUANDO?

A quanti anni è consigliabile iniziare il ciclo di controlli? Non è necessario attendere sintomatologie e problematiche per iniziare ad incontrare lo specialista, soprattutto alla luce del fatto che sono sempre di più le giovani ragazze che iniziano l’attività sessuale prima del cosiddetto “sviluppo”, ovvero, prima del menarca. Dopodiché, la visita ginecologica deve diventare un appuntamento annuale.

Fino al raggiungimento delle fasi della perimenopausa e della menopausa, quando si innalza il rischio di manifestazioni patologiche. La prevenzione ginecologica rimane lo strumento più importante a tutela della salute di ogni donna. Ecco perché tutte sono invitate ad effettuare il check up ginecologico annuale con visita, ecografia e pap test anche in assenza di sintomi, al fine di ridurre la possibilità che si sviluppi una determinata patologia.

L’IMPORTANZA DEL PAP TEST

Infatti, il ruolo fondamentale della prevenzione dei tumori femminili riguarda anche lo screening cervicale. Dunque, unitamente alla visita ginecologica, è importante inserire anche il pap test, esame utile per la diagnosi precoce del tumore della cervice uterina. Attraverso il prelievo di alcune cellule, tramite una spatola o uno spazzolino, all’interno del canale cervicale, si possono individuare le presenze di funghi o batteri, ma anche rilevare precocemente cellule anomale che potrebbero trasformarsi in carcinomi. Occorre sapere che il tumore del collo dell’utero è strettamente legato al Papilloma Virus, trasmissibile per via sessuale. E non pensate che sia un problema che interessa solo le giovani: lo screening cervicale è raccomandato alle donne, dall’inizio dell’attività sessuale fino ai 65 anni, con cadenza triennale.

GLI SPECIALISTI DI SANDONATO MEDICA

I ginecologi di Sandonato Medica, il dottor Fabrizio Zanotti e la dottoressa Paola Filardo sono attrezzati anche per ecografia transvaginale, un esame indolore e ben tollerato da tutte le pazienti.

Inoltre, i ginecologici di Sandonato Medica, sono sempre disponibili per consigliare le pazienti nella scelta di uno stile di vita sano, offrendo anche indicazioni rispetto alla giusta educazione sessuale e alla conoscenza del loro corpo: è fondamentale sapersi “ascoltare” e riconoscere il prima possibile eventuali anomalie del ciclo per poter chiedere valutazioni specialistiche precoci.

Per informazioni e prenotazioni chiamaci allo 02 55602161 o scrivici a info@sandonatomedica.it

Quando si parla di lifting si pensa subito a volti trasformati e, a volte, anche danneggiati. A Sandonato Medica, il lifting è senza bisturi e se il vostro aspetto non vi soddisfa perché il tempo lascia, inevitabilmente, il segno sia sul viso, ma anche sul corpo, le terapiste Debora Saglimbene e Ingrid Patuzzo, potranno aiutarvi a recuperare un viso riposato, disteso e anche quella silhouette che credete ormai perduta. Come? L’apparecchio medicale dell’LPG endermologie®, è una tecnologia che consente di migliorare l’aspetto del viso, del collo, del contorno occhi, del doppio mento, ma anche perfezionare il corpo, andando a distoccare gli accumuli di adipe che tanto rovinano l’armonia della vostra figura. Infatti, il trattamento antietà LPG stimola e riattiva la produzione di collagene e di acido ialuronico.

COSA SUCCEDE AL DERMA TRATTATO

I risultati sono evidenti già dopo tre sedute: le rughe d’espressione saranno più levigate, il derma sarà nuovamente rimpolpato riacquisendo il volume perso. E non è tutto, visto che grazie a LPG quelle tossine che regalano al nostro viso un colorito spento e grigiastro, sono drenate: et voilà un incarnato uniforme e luminoso. E potrete salutare anche le tanto odiate zampe di gallina, ma anche le rughette attorno alla bocca. Effetti collaterali? Il trattamento LPG è indolore, privo di rischi e visibilmente efficace: la pelle risulterà esfoliata, i tessuti più ossigenati e la microcircolazione sarà riattivata, regalando al vostro viso un’espressione più riposata.

PER VISO, PER CORPO E PER IL BENESSERE

“Per un trattamento estetico bastano 10 sedute della durata dai 15 ai 40 minuti ciascuna, a seconda delle necessità, almeno una a settimana – spiega la terapista Saglimbene. ”LPG endermologie® è adatto anche per il benessere del corpo: agisce eliminando gli accumuli adiposi localizzati, anche quelli resistenti e “affezionati”, distoccando e levigando la cellulite”. E non è tutto, visto che LPG grazie alla sua capacità di distendere i muscoli e combattere lo stress, può rigenerare il corpo e farvi ritrovare il benessere. Il trattamento è peraltro consigliato alle donne gravide: migliorando l’elasticità della pelle e, favorendo il microcircolo, rappresenta un valido aiuto per scongiurare la formazione di smagliature, senza trascurarne l’importanza a livello degli arti inferiori, appesantiti da gonfiori a causa di un’insufficienza veno-linfatica.

LPG IN CAMPO ESTETICO E ANCHE TERAPEUTICO

LPG endermologie® è, infatti, utilizzato in campo estetico, ma anche in ambito terapeutico, visto che rappresenta un’ottima soluzione in caso di fibrosi, cicatrici post-chirurgiche, ma anche ustioni, linfedema. E se siete delle sportive, chiedete alle terapiste come LPG possa aiutare a sciogliere contratture muscolari, rigidità articolari e per superare l’affaticamento muscolare.

Per informazioni: tel. 02/55.60.21.61 o mandare una mail a info@sandonatomedica.it

Nella salute della donna una componente importante è rivestita dal benessere delle gambe. Questo è il mese giusto per pensare a come stanno i tuoi arti inferiori. È appena finita l’estate: ti sei ritrovata ad avere gambe pesanti e gonfie? Vedi molte vene in rilievo o sottopelle? È il momento di verificare le condizioni del vostro apparato circolatorio. Un flusso sanguigno privo di disturbi è essenziale per il mantenimento della salute e, sia a scopo preventivo, ma anche per diagnosticare eventuali patologie del sistema dei vasi sanguigni sarebbe utile sottoporsi ad un controllo specialistico.

Presso Sandonato Medica, la dott.ssa Silvia Stegher, chirurgo vascolare, studiando l’anatomia e le patologie che colpiscono i vasi sanguigni e i vasi linfatici è preposta ad eseguire visite specialistiche angiologiche: la visita vascolare ed il doppler venoso risolveranno i tuoi dubbi e con la specialista potrai discutere di prevenzione ed opportunità terapeutiche.

Infatti, lo scopo della visita è conoscere il paziente: attraverso un’anamnesi, la Dott.ssa Stegher indagherà sul vostro stile di vita: il tipo di alimentazione, se fuma, se pratica attività sportiva, se ha eventuali patologie in corso, se sta assumendo farmaci e se ha già fatto interventi chirurgici in precedenza.  Inoltre, attraverso l’ecodoppler sarà in grado di analizzare la struttura, il funzionamento e la presenza di eventuali patologie del sistema circolatorio.

In una condizione ideale essi dovrebbero essere infatti flessibili, elastici e privi di depositi. Le vene varicose rappresentano una patologia frequente e, generalmente, il paziente adotta rimedi come casalinghi come massaggi con pomate opportune, calze elastiche.

In realtà, è importante indagare tra le possibili cause di questa patologia che, ahimé, è molto più frequente in Europa che non in Africa o in Asia, dove si riscontra una prevalenza 10 volte inferiore.

Ma quali sono le cause che possono determinare le vene varicose? La stitichezza, l’obesità, ma anche la stessa postura; per le donne, vale la pena, inoltre, valutare il livello di estrogeni, visto che proprio l’elevato livello di questi ormoni, favorisce il rilasciamento della muscolatura della parete venosa.

La dott.ssa Stegher vi potrà aiutare ad individuare la causa o le concause che provocano la problematica delle vene varicose che, oltre a compromettere il benessere, risulta anche antiestetica, offrendo consigli preziosi, anzitutto per prevenire, ma anche per iniziare un percorso terapeutico.

 

Per informazioni e prenotazioni: chiamare il numero 02/55602161 o inviare una mail a info@sandonatomedica.it

In un momento delicato per la salute pubblica, presso Sandonato Medica l’équipe delle dermatologhe e dei chirurghi plastici è a disposizione per svolgere prevenzione tumorale della pelle, nell’ambito dell’Ottobre dedicato alla prevenzione al femminile.

Già in piena attività per fare fronte alle numerose richieste di controllo e asportazione nei, il nostro personale altamente qualificato si presta per consulenze di chirurgia plastica e medicazioni gratuite in tempi rapidi, garantendo costi contenuti per i piccoli interventi.

Perché un neo o una cisti non possono aspettare!

Se, infatti, il Dermatologo o il Medico di Medicina Generale riscontrano la necessità di far asportare un nevo che ha cambiato forma o un piccolo tumore della pelle, oppure se si infiamma una cisti sottopelle, può essere importante sottoporsi a cure specialistiche chirurgiche con sollecitudine.

Gli specialisti in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva di Sandonato Medica offrono, in questo periodo difficile, la possibilità di un rapido consulto gratuito e tutte le cure del caso, con competenza e disponibilità.

Per informazioni e prenotazioni: Sandonato Medica 02-55.60.21.61 o scrivere a info@sandonatomedica.it

 

 

Quando si parla di prevenzione al femminile, si pensa subito al tumore al seno, primo per incidenza, circa il 30% della totalità di tumori maligni diagnosticati alle donne. Nel 2019 i nuovi casi di carcinomi della mammella stimati in Italia sono stati 53.200. Purtroppo sempre più spesso si sentono casi di tumore anche sotto la soglia fatidica dei 40, quando dovrebbe iniziare lo screening mammografico in donne asintomatiche.

A spiegare l’importanza di una diagnosi precoce è il dott. Giovanni Battista Steffano, senologo presso Sandonato Medica, nonché Primario Chirurgo responsabile della Chirurgia Senologica presso il Policlinico di Monza, dove è presente una Breast Unit appartenente alla Rete Regionale dei Centri di Senologia certificati.

LA PREVENZIONE PRIMARIA

La letteratura scientifica ormai è concorde nel sostenere che un corretto stile di vita sia fondamentale per prevenire il tumore al seno.

I consigli principali riguardano il controllo del peso corporeo, ottenuto con una corretta alimentazione varia che privilegi frutta, verdura e cereali, limitando i grassi animali. A questo deve essere associata una attività fisica adeguata, contrastando il più possibile le occupazioni sedentarie.  L’azione di contrasto al fumo e all’alcool sono altri fattori imprescindibili di prevenzione.

LA PREVENZIONE SECONDARIA

Occorre fare attenzione, perché in genere, le forme iniziali di tumore al seno non provocano dolore. Tuttavia, attraverso l’autopalpazione, è a volte possibile intercettare più precocemente un nodulo in accrescimento. E quando il tumore è in fase iniziale, è possibile attuare interventi meno invasivi e adottare cure mediche con maggiore efficacia.  Ogni donna deve quindi eseguire in maniera corretta e regolare l’autopalpazione già dai 20 anni, con cadenza mensile, in particolare una settimana dopo la fine del ciclo.

VISITA SENOLOGICA

È compiuta una valutazione completa delle condizioni di salute comprendenti le patologie in atto della paziente, il rischio familiare o genetico di malattia, e i fattori legati allo stile di vita. Si valuta inoltre le caratteristiche precise della complessità ghiandolare, grazie non solo ad una accurata visita clinica ma anche attraverso l’integrazione degli esami strumentali specifici.

ESAMI STRUMENTALI

La mammografia è un esame radiologico della mammella, efficace per riconoscere precocemente i tumori del seno, poiché consente di identificare i noduli non ancora percepibili al tatto, o a volte sospettarli per la presenza di segni indiretti di malignità come le distorsioni o le microcalcificazioni.

L’ecografia è un esame non invasivo in quanto non utilizza radiazioni ionizzanti bensì ultrasuoni, che riescono a riprodurre immagini dettagliate della ghiandola mammaria.

La risonanza magnetica è un esame di secondo livello indicata soprattutto nei seni densi e nei sospetti di multifocalità. E’ inoltre indicata nello studio di pazienti con protesi mammarie e nel monitoraggio delle giovani donne sotto i 40 con familiarità importante o confermata mutazione genetica (BRCA).

L’agobiopsia. Nei casi dubbi a volte si rende necessario prelevare un piccolo frustolo di tessuto mediante agobiopsia in anestesia locale, spesso sotto guida ecografica, per analizzarla al microscopio ed ottenerne un esame istologico che può orientare con efficacia il successivo iter clinico.

 

PREVENZIONE “OTTOBRE IN ROSA”

Sandonato Medica, partecipando al progetto di Prevenzione al femminile, ottobre in Rosa, stimola e sensibilizza ancora di più le signore e anche le giovani donne, a prendersi cura di loro stesse, a partire dal loro seno: perché anche se la mortalità è diminuita, il rischio è reale e va affrontato con responsabilità

Per tutto il mese di ottobre, presso Sandonato Medica si può prenotare una visita specialistica senologica + ecografia mammaria al costo di 90,00 €.

Per informazioni e prenotazioni: telefonare al numero 02-55.60.21.61 o mandare una mail a info@sandonatomedica.it

Quella che, fino a qualche anno fa, era un eterno – e doloroso – appuntamento mensile con l’estetista, può diventare oggi una seduta in uno studio medico attrezzato con le tecnologie più all’avanguardia: confortevole, limitata nel tempo ed efficace a lungo termine.

L’epilazione progressiva indica infatti un trattamento volto a eliminare ed assottigliare progressivamente una considerevole parte dei peli in modo permanente.
Differisce in tal senso dalle pratiche depilatorie, che eliminano il pelo nella sola parte esterna alla superficie della pelle.

La procedura è sicura e consente di eliminare la maggior parte dei peli: grazie a lunghezze d’onda specifiche per la melanina, il laser colpisce il pelo più della pelle circostante, danneggiando le strutture limitrofe che lo generano e lo accolgono.

Il laser, infatti, colpisce anche i peli non ancora spuntati in superficie e i peli incarniti. Lo scopo è quello di provocare un progressivo assottigliamento e diradamento dei peli, rallentandone anche fortemente la ricrescita da subito.

Questo tipo di trattamento è particolarmente consigliato a chi è stanco di ricorrere ripetutamente a cerette, rasoi e altri vari metodi di depilazione dolorosi e frequenti.

L’epilazione laser è indicata soprattutto per le persone affette da patologie legate al bulbo pilifero quali follicoliti e cisti infiammate, che possono aggravarsi proprio depilando la zona ripetutamente.

Sono necessarie diverse sedute, pianificate insieme al medico ogni 4-8 settimane: ogni trattamento ha infatti bisogno del tempo di pausa necessario affinché il follicolo si trovi nella giusta fase del suo ciclo di crescita per essere opportunamente danneggiato dal laser.

L’epilazione laser in studio medico deve essere eseguita da un medico altamente qualificato.

Presso Sandonato Medica il Dr. Federico Villani riceve su appuntamento per fornire una consulenza personalizzata e proporre il trattamento più idoneo sulla base delle esigenze del paziente.
Per prenotazioni mandare una mail a info@sandonatomedica.it o telefonare allo 02/55602161.

#specialeepilazione